Chiude dopo oltre quattro mesi di attività il Centro vaccinale di Humanitas Gradenigo e BasicNet

Ha somministrato ai torinesi oltre 40mila vaccini ed è stato il primo esempio torinese di collaborazione tra azienda sanitaria e azienda privata.

Da martedì 14 settembre Humanitas Gradenigo continuerà a vaccinare la popolazione presso il Centro dell’Unione Industriale, in via Vincenzo Vela 17, mentre il BasicVillage tornerà a disporre di uno spazio pregiato per i propri marchi commerciali.

 

Torino, 9 settembre 2021 – Dopo oltre quattro mesi di piena attività, chiude il Centro vaccinale del BasicVillage di corso Regio Parco 39, il primo di Torino a essere nato dalla collaborazione tra un’azienda sanitaria e un’azienda privata del territorio e il primo ad avere vaccinato al proprio interno i dipendenti dell’azienda e i loro familiari.

Humanitas Gradenigo, da oltre un secolo ospedale di riferimento per la salute dei torinesi e BasicNet, azienda quotata alla Borsa Italiana e proprietaria di marchi di abbigliamento, calzature e accessori, sono stati gli attori del Centro vaccinale che, con il fondamentale sostegno dell’ASL Città di Torino, ha somministrato ai torinesi oltre 40mila vaccini, cominciando da soggetti ultra 80enni e pazienti fragili per poi includere le altre fasce d’età della popolazione.

Nei circa 700 metri quadri allestiti all’interno del BasicVillage, quartier generale di BasicNet che si trova in un complesso post-industriale di 26mila metri quadri, sono state vaccinate fino a 800 persone al giorno grazie al contributo di medici, infermieri e operatori socio-sanitari di Humanitas Gradenigo nonché a quello dei volontari di ABIO.

Da martedì 14 settembre l’impegno di Humanitas Gradenigo si trasferirà al Centro vaccinale dell’Unione Industriale di via Vincenzo Vela 17, Torino. Sarà una naturale estensione dell’impegno che l’ospedale ha assunto di fronte all’emergenza Covid-19: prima destinando ai pazienti oltre 100 posti letto dei propri reparti e poi aprendo il Centro vaccinale, inaugurato il 18 marzo all’interno dell’ospedale e trasferito il 27 aprile al BasicVillage per garantire un numero maggiore di vaccini in uno spazio più grande e funzionale.

Allo stesso modo, il BasicVillage tornerà a disporre di un altro spazio pregiato per le eccellenze commerciali che hanno portato i marchi di BasicNet a essere noti in tutto il mondo.

È stata un’esperienza che ci porteremo a lungo nel cuore. Nata quasi come una sfida per mettere a disposizione della popolazione spazi non ospedalieri, è progressivamente cresciuta fino a diventare un esempio virtuoso che ha funzionato grazie alla professionalità del personale sanitario e medico dell’ospedale e alla capacità di visione e all’efficienza di un partner come BasicNet.