COME TI POSSIAMO AIUTARE?

Prenotazioni
011.1910.1010
Centralino
011.1910.1001

Calcoli biliari


-->

Che cosa sono i calcoli biliari?

I calcoli biliari sono dei sassolini di dimensioni e numero variabile, che si formano nella cistifellea in seguito alla cristallizzazione della bile.

I calcoli possono ostruire i dotti biliari che drenano la bile prodotta dal fegato nell’intestino, con conseguente infiammazione della cistifellea, dei dotti biliari e qualche volta anche del fegato.

Quali sono le cause dei calcoli biliari?

I motivi alla base della formazione dei calcoli non è del tutto chiara. I calcoli si formano a seguito della cristallizzazione della bile, il liquido prodotto dal fegato che consente di digerire i grassi.

La bile si raccoglie nella cistifellea e viene rilasciata nell’intestino qualora sia necessario. La sua composizione include all’interno colesterolo, grassi, sali biliari e bilirubina. Qualora alcuni di questi componenti come colesterolo e sali biliari siano in eccesso, possono provocare la formazione di cristalli che si solidificano sino a formare dei sassolini.

I calcoli possono formarsi anche per effetto della sedimentazione della bilirubina, un liquido di scarto rilasciato a livello epatico.

Sono ritenuti fattori di rischio:

  • gravidanza
  • diabete
  • familiarità
  • sesso femminile
  • una dieta con troppi grassi e povera di fibre
  • sovrappeso e obesità o dimagrimento troppo rapido
  • farmaci anti-colesterolo o terapie ormonali a base di estrogeni

Quali sono i sintomi dei calcoli biliari?

I sintomi hanno un esordio improvviso e possono essere i seguenti:

  • brividi
  • dolore alla schiena
  • diarrea
  • dolore improvviso e acuto nella parte destra dell’addome, simile a una fitta della durata variabile
  • da poche decine di minuti fino ad alcune ore
  • nausea
  • vomito
  • febbre
  • ittero e subittero

Come si effettua la diagnosi? 

Gli esami utili per eseguire una corretta diagnosi possono essere:

  • ecografia addominale
  • TC o tomografia computerizzata
  • risonanza magnetica (RM)
  • acido epatobiliare iminodiacetico (HIDA)