Il vomito (o emesi) è un’azione riflessa dell’organismo che – tramite una contrazione della muscolatura diaframmatica e addominale e una forte contrazione antiperistaltica (che si attua con un movimento dal basso in alto) della parete gastrica, causa una veloce fuoriuscita dalla bocca dell’intero o di parte del contenuto gastrico.

Il vomito può essere dovuto a disturbi gastrointestinali, epato-biliari, renali e cardiaci (infarto); intossicazioni; mal d’auto, malattie neurologiche, ansia, stress, emicrania, difetti nella visione. Il vomito costituisce inoltre un problema piuttosto comune tra le donne in stato di gravidanza. Può essere inoltre anticipato o accompagnato da aumentata salivazione, nausea, scialorrea e ipotensione.

Quali patologie possono essere associate a vomito?

Alcune delle malattie che possono essere associate al disturbo sono:

  • Acetonemia
  • Acidosi metabolica
  • Allergia Alimentare
  • Anafilassi
  • Angina pectoris
  • Ansia
  • Appendicite
  • Botulismo
  • Calcoli cistifellea
  • Calcoli renali
  • Cancro al colon
  • Cefalea
  • Cinetosi
  • Colecistite
  • Colica renale
  • Colite
  • Dengue
  • Ebola
  • Emicrania
  • Epatite
  • Ernia iatale
  • Esofagite
  • Fibrosi Cistica
  • Gastrite
  • Gastroenterite
  • Gastroenterite virale
  • Glaucoma
  • Indigestione
  • Infarto miocardico
  • Insufficienza renale
  • Insufficienza surrenalica
  • Intossicazione da monossido di carbonio
  • Labirintite
  • Lupus eritematoso sistemico
  • Malaria
  • Malattia da graffio di gatto
  • Malattia infiammatoria pelvica
  • Meningite
  • Morbo di Addison
  • Morbo di Crohn
  • Occlusione intestinale
  • Otite
  • Palatoschisi
  • Pancreatite
  • Peritonite
  • Pielonefrite
  • Poliomielite
  • Pre-eclampsia
  • Rabbia
  • Reflusso gastroesofageo
  • Retinoblastoma
  • Salmonella
  • Scarlattina
  • Shock settico
  • Sindrome di Mallory-Weiss
  • Tifo
  • Tumore al pancreas
  • Tumore allo stomaco
  • Tumore del colon-retto
  • Ulcera duodenale
  • Ulcera gastrica
  • Ulcera peptica
  • Vaiolo

Come si cura il vomito?

Date le numerose cause all’origine del vomito, per intervenire in maniera efficace è opportuno individuare a cosa è dovuto. Se il disturbo non passa in qualche giorno o se si soffre di una delle patologie associate o se ne è a rischio, è bene consultare il medico.

Per contrastarlo, il medico potrebbe prescrivere farmaci anti-emetici. Se il vomito dura per giorni, potrebbe essere necessario ristabilire il corretto equilibrio idro-elettrolitico mediante l’assunzione di sali minerali.