I tofi sono noduli al cui interno si trovano cristalli di urato monosodico, questi infatti depositano nei tessuti molli di oltre la metà dei pazienti affetti da gotta non adeguatamente trattata.

Questi noduli si presentano in genere dopo dodici anni dal primo attacco di gotta e si formano sulle dita o sulle orecchie; non sono dolorosi, a meno che non coinvolgano le articolazioni. Sono più comuni nelle donne, soprattutto se sottoposte a terapia farmacologica con diuretici.

Il materiale presente al loro interno può fuoriuscire, con la conseguente formazione di ulcere. 

Quali malattie si possono associare ai tofi?

 I tofi sono in genere associati alla gotta.

Come si curano i tofi?

Di fronte alla loro comparsa è bene rivolgersi al medico per intervenire il prima possibile, al fine di arginare il rischio di danni alle articolazioni.

Il primo passo in genere, è la riduzione dei livelli di acido urico, sia mediante interventi sullo stile di vita, sia mediante l’assunzione di farmaci specifici.