Rinorrea

La rinorrea è un eccesso di muco che cola dalle cavità nasali, verso l’esterno o verso la gola, conseguente a irritazioni o infiammazioni, che possono essere associate a infezioni, allergie, alla presenza di sostanze irritanti nell’aria o di corpi estranei nel naso, al freddo,  a una deviazione del setto nasale, ma anche all’uso eccessivo di decongestionanti nasali, al fumo e al mal di testa.

Quali malattie possono essere associate alla rinorrea?

Alcune delle patologie più comunemente associate a questa condizione sono:

 

  • Allergie respiratorie
  • Allergie alimentari
  • Cefalea
  • Dengue
  • Emicrania a grappolo
  • Granulomatosi di Wegener
  • Influenza
  • Otite
  • Poliposi nasale
  • Raffreddore
  • Rinite
  • Sindrome di Churg-Strauss
  • Sinusite

Si ricorda che questo non è un elenco esaustivo e che sarebbe sempre meglio consultare il proprio medico in caso di persistenza dei sintomi.

Come si cura la rinorrea?

Se la rinorrea non regredisce in circa dieci giorni, se è associata a febbre alta, se le secrezioni tendono al colore verde, se si soffre di asma o di enfisema e in caso di trauma cranico, è bene consultare il medico.

In generale possono essere utili alcune accortezze:

 

  • Evitare sostanze irritanti come quelle presenti nel fumo di tabacco
  • Evitare bruschi cambi di temperatura
  • Bere molta acqua
  • Utilizzare un umidificatore
  • Effettuare lavaggi nasali o utilizzare spray a base di soluzione salina.

I pazienti con allergia possono affrontare la rinorrea con antistaminici, mentre in caso di infezione batterica potrebbe invece essere necessario un antibiotico.