Rash cutaneo

Il termine rash cutaneo designa un cambiamento della pelle in termini di aspetto e colorito, legato a irritazione o gonfiore. Può avere un esordio graduale o improvviso. Il rash cutaneo può manifestarsi con uno sfogo rossastro, che genera prurito e dolore o anche con bollicine o placchette. Alcuni fattori possono peggiorare il rash cutaneo, come temperature molto calde o fredde, la pelle grassa, lo stress, l’alcol contenuto in alcuni prodotti per la cosmesi.

Qual è la causa del rash cutaneo?

Il rash cutaneo può essere dovuto a una predisposizione genetica, allergie, punture di insetto, assunzione di farmaci o contatto con sostanze irritanti. Questo disturbo può anche essere legato alla presenza di una patologia.

Quali patologie possono essere associate al rash cutaneo?

Alcune delle patologie che possono essere associate a questa condizione sono:

  • Artrite reumatoide
  • Dermatite atopica
  • Fuoco di Sant’Antonio
  • Impetigine
  • Lupus eritematoso sistemico
  • Malattia mani-piedi-bocca
  • Morbillo
  • Psoriasi
  • Quinta malattia
  • Rosolia
  • Scarlattina
  • Sesta malattia
  • Sindrome di Kawasaki
  • Varicella

Come si cura il rash cutaneo?

Per intervenire sul rash cutaneo è fondamentale individuarne la causa all’origine. In presenza di rash è consigliabile pertanto consultare il medico ed evitare di grattarsi o usare sapone o cosmetici sulla pelle colpita.
I rimedi più comuni sono creme idratanti, detergenti o specifiche oppure prodotti cortisonici o antistaminici.
È consigliabile recarsi in pronto soccorso se al rash cutaneo si associano difficoltà respiratoria, volto gonfio, sensazione di soffocamento o se a esserne colpito è un bambino che presenta uno sfogo cutaneo rosso accesso simile a un livido.