Le pustole sono piccole lesioni della pelle, piene di pus, che si formano in genere in corrispondenza di follicoli piliferi o delle ghiandole sudoripare.

Possono trovarsi sul volto, sulla schiena, sullo sterno, sulle spalle, all’inguine, alle ascelle e in altre zone in cui la sudorazione è abbondante.

Possono essere dolorose o suscitare dolore se le si tocca e possono accompagnarsi ad altri sintomi quali: febbre, brividi, affaticamento, dolori e gonfiori, arrossamenti e mal di testa.

Quali patologie possono essere associate alle pustole?

Alcune delle patologie più comunemente associate a questa condizione sono:

  • Acne
  • Blefarite
  • Candidiasi
  • Dermatofitosi
  • Follicolite
  • Herpes labiale
  • Impetigine
  • Malattia mano-piede-bocca
  • Malattia da graffio di gatto
  • Orzaiolo
  • Psoriasi
  • Rosacea
  • Scabbia
  • Vaiolo
  • Varicella

Si ricorda che questo non è un elenco esaustivo e che è meglio consultare il medico in caso di persistenza dei sintomi.

Cosa fare in caso di pustole? 

In presenza di pustole è bene rivolgersi al medico, in modo da avere le indicazioni più opportune circa la necessità di trattamento.

In alcuni casi, infatti, possono essere di aiuto detergenti e prodotti a uso topico, per esempio creme e lozioni a base di acido salicilico o zolfo.

Per alcuni pazienti si rende necessario trattamento antibiotico oppure laserterapia.