Perdita di peso

La perdita di peso può celare la presenza di un problema di salute quando si ha un dimagrimento di 5 kg o pari al 5% del peso corporeo in meno di 6-12 mesi.

Può essere legata ad alcune patologie, ma anche a condizioni quali: depressione, ansia o stress, assunzione di farmaci (come chemioterapici o farmaci per disturbi tiroidei), abuso di droghe o lassativi, problemi digestivi cronici o infezioni intestinali prolungate o disturbi dell’alimentazione.

Quali malattie possono essere associate alla perdita di peso?

Le patologie che si possono associare a perdita di peso sono:

  • AIDS
  • Amiloidosi
  • Artrite reumatoide
  • Broncopneumopatia cronica ostruttiva (BPCO)
  • Celiachia
  • Cirrosi epatica
  • Colite
  • Diabete
  • Diverticoli esofagei
  • Ebola
  • Enfisema
  • Epatite
  • Fibrosi cistica
  • Gastroenterite
  • Insufficienza renale
  • Insufficienza surrenalica
  • Intolleranza al lattosio
  • Ipotiroidismo
  • Leucemia
  • Malattia da graffio di gatto
  • Malattia di Chagas
  • Malattia di Crohn
  • Mononucleosi
  • Morbo di Addison
  • Morbo di Graves–Basedow
  • Pancreatite
  • Pemfigo volgare
  • Pleurite
  • Policitemia vera
  • Rettocolite ulcerosa
  • Sclerodermia
  • Sifilide
  • Steatosi epatica
  • Tifo
  • Tubercolosi
  • Tumore al fegato
  • Tumore al pancreas
  • Tumore al rene
  • Tumore allo stomaco
  • Tumore del colon-retto
  • Tumore dell’esofago
  • Tumore della tiroide
  • Tumori della laringe
  • Ulcera duodenale
  • Ulcera gastrica
  • Ulcera peptica

Si ricorda che questo non è un elenco esaustivo e che è meglio consultare il medico in caso di persistenza dei sintomi.

Cosa fare in caso di perdita di peso?

È consigliabile consultare il medico se il peso corporeo è inferiore rispetto a quello considerato salutare in base all’età e all’altezza, se si perdono senza saperne il motivo più di 5 kg o più del 5% del peso corporeo in meno di 6-12 mesi e se alla perdita di peso si associano altri sintomi.

Una volta individuata la causa, il medico suggerirà anche i trattamenti più appropriati e a seconda dei casi potranno rendersi necessari interventi psicologici, trattamenti farmacologici o cambiamenti nello stile di vita, come opportuni accorgimenti alimentari e un’attività fisica adeguata.