Perdita di equilibrio

La perdita dell’equilibrio è un disturbo che si manifesta con una sensazione di movimento benché si sia fermi, sia seduti sia in piedi.

Può essere riconducibile a molteplici cause, come:

  • Patologie specifiche
  • Vertigini
  • Infezioni dell’orecchio interno o infiammazioni
  • Influenza o infezioni delle vie aeree superiori
  • trauma cranico
  • esercizio fisico molto intenso
  • pressione del sangue troppo alta o troppo bassa
  • l’assunzione di alcuni medicinali
  • cambiamento della pressione atmosferica
  • mal di mare

La perdita di equilibrio può inoltre accompagnarsi ad altri sintomi come appannamento della vista, confusione e disorientamento, nausea e vomito, sensazione di depressione, ansia o paura, affaticamento, difficoltà di concentrazione, diarrea e variazioni della pressione sanguigna o della frequenza cardiaca. 

Quali malattie possono essere associate perdita di equilibrio?

Le patologie più comunemente associate a questa condizione sono:

  • Artrite
  • Ictus
  • Intossicazione da monossido di carbonio
  • Labirintite
  • Otite
  • Sindrome di Ménière
  • Alcuni tumori, come il neurinoma dell’acustico.

Si ricorda che questo non è un elenco esaustivo e che è meglio consultare il proprio medico in caso di persistenza dei sintomi.

Cosa fare in caso di perdita di equilibrio?

In caso di perdita di equilibrio è bene rivolgersi al medico, al fine di individuare la causa all’origine del disturbo e intervenire nella maniera più appropriata.

A seconda dei casi, potrebbe rendersi necessario modificare l’assunzione di alcuni farmaci, intraprendere una terapia farmacologica o un percorso di fisioterapia oppure intervenire chirurgicamente.