L’otalgia è un dolore all’orecchio. Nei bambini è spesso dovuta alla presenza di un’infezione o di un’irritazione; negli adulti invece  questo disturbo è conseguente ad altre condizioni, come mal di denti o mal di gola, ma anche cambiamenti di pressione, tappi di cerume, presenza di corpi estranei nell’orecchio e timpano perforato.

Il disturbo può coinvolgere uno solo o entrambe le orecchie.

Quali patologie possono essere associate all’otalgia?

Alcune delle patologie più comunemente associate a questa condizione sono:

  • Artrite della mandibola
  • Bruxismo
  • Faringite
  • Infezioni ai denti
  • Infezioni dell’orecchio
  • Infiammazione del nervo trigemino
  • Labirintite
  • Mal di gola
  • Orecchio del nuotatore
  • Otite esterna maligna
  • Otite media
  • Parotite
  • Sindrome dell’articolazione temporo-mandibolare
  • Sinusite
  • Tumori della laringe

Come si cura l’otalgia? 

In presenza di otalgia è consigliabile rivolgersi al medico se il dolore è forte, dura da più di 48 ore senza alcun miglioramento e se è associato a febbre.

Individuare le cause alla base dell’otalgia è fondamentale per definire il trattamento più appropriato.

Il dolore può essere alleviato con impacchi freddi, farmaci antidolorifici o gocce da instillare nell’orecchio.