L’eritema è un arrossamento della pelle; può essere localizzato in un solo punto oppure presentarsi in più aree del corpo. La zona colpita è rossa, calda e può essere interessata da prurito o desquamazione. Se si effettua una pressione con le dita della mano sull’eritema, questo tende a scomparire, per poi ripresentarsi una volta tolte le dita.

Le cause del disturbo possono essere molteplici, di tipo fisico, chimico, ma anche emotive, infettive o allergiche.

Quali patologie possono essere associate all’eritema?

Alcune delle patologie più comunemente associate a questa condizione sono:

  • Allergia da contatto
  • Anafilassi
  • Blefarite
  • Borsite
  • Cheratosi attinica
  • Cirrosi epatica
  • Dermatite
  • Dermatite atopica
  • Dermatite seborroica
  • Dermatofitosi
  • Eritema solare
  • Follicolite
  • Geloni
  • Impetigine
  • Intossicazione da monossido di carbonio
  • Ittiosi
  • Lebbra
  • Lupus eritematoso sistemico
  • Malattia di Chagas
  • Pitiriasi rosea
  • Psoriasi
  • Rosacea
  • Scabbia
  • Scialoadenite
  • Tinea versicolor
  • Toxoplasmosi
  • Tripanosomiasi africana
  • Ustioni

Cosa fare in caso di eritema?

In presenza di eritema è bene chiedere consiglio al proprio medico, al fine di individuare le cause che ne sono all’origine e impostare così la strategia terapeutica migliore. Potrebbe per esempio rendersi necessaria l’assunzione di antibiotici, in presenza di infezione batterica; di antistaminici, qualora si tratti di una reazione allergica. Antidolorifici e antinfiammatori contribuiscono ad alleviare i fastidi generati dal prurito.