Vena cava superiore

La vena cava superiore è un ampio tronco venoso che trasporta al cuore il sangue povero di ossigeno che viene dalle zone superiori dell’organismo (testa, collo, arti superiori, alcuni organi del torace). Il cuore si occupa quindi di mandarlo ai polmoni per poterlo pompare, pieno di ossigeno, a tutto l’organismo.

È posta nella parte superiore del mediastino anteriore. Ha inizio dietro alla prima cartilagine sternocostale destra, e giunge sino alla terza cartilagine sternocostale destra.

Il mediastino è la cavità limitata ai lati dai due polmoni, dietro dalla colonna vertebrale e davanti dallo sterno. Suddiviso in quattro parti (superiore, mediale, anteriore e posteriore), contiene il cuore, i vasi sanguigni cardiaci (completamente o parzialmente), la trachea, i grossi bronchi, parte dell’esofago.

Che cos’è la vena cava superiore?

La vena cava superiore è di una lunghezza di circa 7 centimetri e di un diametro, a livello dello sbocco, di circa 22 millimetri. Dentro non ha nessuna valvola.

Ha inizio dalla combinazione di due grandi vene, le brachiocefaliche (o vene anonime). Vi sbocca la vena azigos. Il suo viaggio è praticamente verticale: va poi verso il basso fino all’estremo sternale della terza cartilagine costale di destra, per immettersi nel pericardio (cioè la struttura fibrosierosa che contiene il cuore e le zone iniziali dei vasi arteriosi che da lì partono) e aprirsi nella parte superiore dell’atrio destro.

A cosa serve la vena cava superiore?

Il suo ruolo è limitato al trasporto del sangue povero di ossigeno dalle parti superiori del corpo (testa, collo, arti superiori, alcuni organi del torace) al cuore, che lo manderà poi ai polmoni.

Attraverso la piccola circolazione – o circolazione polmonare – il sangue sarà quindi pulito e inviato nuovamente al cuore per poter essere pompato a tutto l’organismo.