Tumori della pelle, un successo la giornata di prevenzione in Gradenigo

Sabato 7 ottobre gli specialisti della Dermochirurgia oncologica dell’Ospedale hanno eseguito visite gratuite in collaborazione con l’Associazione prevenzione e cura dei tumori. Proteggersi dai raggi ultravioletti ed esaminare l’aspetto della nostra pelle può aiutarci a prevenirli.

 

Una giornata tutta dedicata alla prevenzione dei tumori della pelle. E’ stata quella che sabato 7 ottobre ha visto i dermoncologi dell’Ospedale Humanitas Gradenigo accogliere i pazienti con un accurato esame clinico della pelle, primo importante passo verso una corretta diagnosi, e consegnare a chi s’è sottoposto alla visita un vademecum con informazioni utili alla prevenzione.

I tumori della pelle sono ancora tra i più diffusi in assoluto. I numeri dell’Airtum (Associazione italiana registri tumori) dicono che tra gli uomini rappresentano il tumore più frequente (pari al 15,2 per cento del totale), mentre tra le donne (14,8 per cento di tutti i tumori) è secondo solo a quello della mammella. «Ecco perché è più che mai necessario insistere sulla prevenzione», hanno ribadito la dottoressa Alessandra Farnetti e la dottoressa Annamaria Ronco, medici della Dermochirurgia oncologica di Humanitas Gradenigo. «Proteggersi in modo adeguato dai raggi ultravioletti e controllare periodicamente l’aspetto della propria pelle sono due efficaci e semplici pratiche di prevenzione che tutti quanti dovrebbero adottare» aggiungono.

«Come riconoscere un neo pericoloso? Di norma – spiega la dottoressa Farnetti -, il melanoma è caratterizzato da colori anomali, ha margini frastagliati e la sua evoluzione verso la forma maligna avviene nel giro di qualche mese. Ecco perché quando si nota un neo che cambia forma, dimensione e colore bisogna rivolgersi a un dermatologo per accertarne la natura dello stesso neo. Attraverso la mappatura dei nei, lo specialista deciderà se asportare il neo o tenerlo semplicemente sotto controllo perché si tratta di una formazione benigna».

«I soggetti maggiormente a rischio – precisa la dottoressa Ronco – sono le persone con la pelle chiara e i capelli chiari nonché quelle che si scottano facilmente al sole. Ma non solo. Presentano un rischio aumentato anche i soggetti con numerosi nei, con storia di scottature solari in infanzia o in adolescenza oppure con familiarità per tumori cutanei. Queste persone devono sottoporsi a controlli clinici annuali o semestrali secondo l’indicazione dello specialista».

Gli specialisti della Dermochirurgia Oncologica di Humanitas Gradenigo svolgono da anni un’intensa attività di prevenzione, diagnosi e cura di tutti i tumori della pelle, servendosi anche delle più moderne ed efficaci tecniche per le lesioni più avanzate.

La Giornata di prevenzione dei tumori della pelle è stata organizzata da Humanitas Gradenigo in collaborazione con l’APCT, Associazione per la prevenzione e la cura dei tumori in Piemonte, onlus che da quindici anni mantiene uno stretto contatto con la Dermochirurgia oncologica dell’Ospedale, più che mai punto di riferimento prezioso per i pazienti di Torino e dell’intera provincia.